Menu
Video Contest People for peace: al via la selezione

Video Contest People for peace: al …

Pratica la pace, cambia i...

Naviga gratis per un mese su Repubblica mobile

Naviga gratis per un mese su Repubb…

Naviga gratis su Repubbli...

C'è uno e mille modi ancora per consumare sostenibile. Fa' la cosa giusta dal 13 al 15 marzo a Milano

C'è uno e mille modi ancora per con…

Torna a Milano la fiera...

[Live report] Incident on south Street @ Bologna

[Live report] Incident on south Str…

Ieri 25 febbraio 2015, a ...

Una visita al Parco dell’Etna

Una visita al Parco dell’Etna

Tutt’intorno alla c...

OH!, il ritorno dei LINEA 77

OH!, il ritorno dei LINEA 77

Ritorna la potente band t...

B&B Day 2015: il 7 marzo si dorme gratis dei B&B di tutta Italia

B&B Day 2015: il 7 marzo si dor…

Il 7 marzo si svolger&agr...

Vacanze alle Maldive

Vacanze alle Maldive

Le Maldive sono il luogo ...

Prev Next

A Cesena i vecchi computer tornano in vita con il trashware

trashwareQuanto costa all'ambiente la costruzione di un nuovo computer? Circa 1500 litri di acqua, senza contare l'enorme impiego di materiali pesanti difficilmente smaltibili. 

Per questo motivo a Cesena nasce il progetto Trashware Cesena che intende recuperare vecchi computer non più utilizzati perché vecchi o con qualche piccolo problema  di funzionamento per metterli a disposizione di scuole o enti pubblici e associazioni di volontariato.

Il progetto, finanziato dal Comune di Cesena con il patrocinio dell'Hera Spa  permetterò di avere meno rifiuti elettronici nei cassonetti e più computer a disposizione di chi ne ha bisogno. La gestione dell'iniziativa verrà affidata all'Associazione Universitaria S.P.R.I.Te costituita fra studenti del Polo Scientifico - Didattico di Cesena iscritti ai corsi di studio in Scienze e Tecnologie Informatiche.

Il recupero, ci spiega il sito del Comune, avverrà “unendo i componenti di due o più pc, in modo da realizzarne uno perfettamente funzionante. Verificato il funzionamento dell'hardware, si procederà all'installazione di software libero, cioè privo dei costi di licenza e con necessità di potenza ridotte”.

La priorità nel soddisfare le richieste verrà data alle scuole pubbliche e alle associazioni senza scopi di lucro e, in secondo luogo, verranno prese in considerazione le domande di privati e delle altre realtà.

fonte: GreenMe