Menu
ROSENCRUTZ IS DEAD : il rock secondo i Misfatto

ROSENCRUTZ IS DEAD : il rock second…

"Rosencrutz is dead" &egr...

Francesco Renga @ Arena di Verona [live report 23-5-2015]

Francesco Renga @ Arena di Verona […

La serata del 23 maggio 2...

Top Toilette: la guida che recensisce le toilette pubbliche

Top Toilette: la guida che recensis…

Guide per vivere low cost...

Vacanza in montagna, Lavarone tra escursioni e itinerari

Vacanza in montagna, Lavarone tra e…

Un viaggio in Trentino ...

Vado a vivere in Australia: tra sogno e realtà cosa serve sapere prima dello sbarco nella terra dei canguri

Vado a vivere in Australia: tra sog…

Vado a vivere in Australi...

PARLA PIU FORTE: il nuovo disco di JOVINE

PARLA PIU FORTE: il nuovo disco di …

Si intitola “Parla ...

Viaggio low cost a Torino: due giorni di arte musei e palazzi

Viaggio low cost a Torino: due gior…

Tra le regine della cultu...

La Luna sul Colosseo: le visite notturne al simbolo della Capitale

La Luna sul Colosseo: le visite not…

Imprescindibile tappa di ...

Prev Next

A Cesena i vecchi computer tornano in vita con il trashware

trashwareQuanto costa all'ambiente la costruzione di un nuovo computer? Circa 1500 litri di acqua, senza contare l'enorme impiego di materiali pesanti difficilmente smaltibili. 

Per questo motivo a Cesena nasce il progetto Trashware Cesena che intende recuperare vecchi computer non più utilizzati perché vecchi o con qualche piccolo problema  di funzionamento per metterli a disposizione di scuole o enti pubblici e associazioni di volontariato.

Il progetto, finanziato dal Comune di Cesena con il patrocinio dell'Hera Spa  permetterò di avere meno rifiuti elettronici nei cassonetti e più computer a disposizione di chi ne ha bisogno. La gestione dell'iniziativa verrà affidata all'Associazione Universitaria S.P.R.I.Te costituita fra studenti del Polo Scientifico - Didattico di Cesena iscritti ai corsi di studio in Scienze e Tecnologie Informatiche.

Il recupero, ci spiega il sito del Comune, avverrà “unendo i componenti di due o più pc, in modo da realizzarne uno perfettamente funzionante. Verificato il funzionamento dell'hardware, si procederà all'installazione di software libero, cioè privo dei costi di licenza e con necessità di potenza ridotte”.

La priorità nel soddisfare le richieste verrà data alle scuole pubbliche e alle associazioni senza scopi di lucro e, in secondo luogo, verranno prese in considerazione le domande di privati e delle altre realtà.

fonte: GreenMe 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo