Menu
Gonne jeans: l'intramontabile denim di fine estate comodo anche in  autunno

Gonne jeans: l'intramontabile denim…

Le gonne di jeans sono un...

Notte Europea dei ricercatori 2015: a Settembre la decima edizione

Notte Europea dei ricercatori 2015:…

Comunicare la Scienza att...

Intervista telefonica con JOVINE

Intervista telefonica con JOVINE

Reduce dalla partecipazio...

Visita a Milano: un break nelle piscine più popolari della città

Visita a Milano: un break nelle pis…

Sfidando il caldo feroc...

Ferragosto in quota, con il tradizionale concerto nelle Alpi cuneesi

Ferragosto in quota, con il tradizi…

Non so a voi, ma a me &...

Vi racconto la mia musica: intervista telefonica con VALENTINA LUPI

Vi racconto la mia musica: intervis…

VALENTINA LUPI ci ha conc...

Intervista con Margherita Pirri

Intervista con Margherita Pirri

Abbiamo intervistato MARG...

[live report] DIZ FESTIVAL : buona la prima

[live report] DIZ FESTIVAL : buona …

Il 3 luglio, giornata di ...

Il senso dell'uguale: la musica secondo Andrea Di Giustino

Il senso dell'uguale: la musica sec…

Musicista, autore, insegn...

Prev Next

A Cesena i vecchi computer tornano in vita con il trashware

trashwareQuanto costa all'ambiente la costruzione di un nuovo computer? Circa 1500 litri di acqua, senza contare l'enorme impiego di materiali pesanti difficilmente smaltibili. 

Per questo motivo a Cesena nasce il progetto Trashware Cesena che intende recuperare vecchi computer non più utilizzati perché vecchi o con qualche piccolo problema  di funzionamento per metterli a disposizione di scuole o enti pubblici e associazioni di volontariato.

Il progetto, finanziato dal Comune di Cesena con il patrocinio dell'Hera Spa  permetterò di avere meno rifiuti elettronici nei cassonetti e più computer a disposizione di chi ne ha bisogno. La gestione dell'iniziativa verrà affidata all'Associazione Universitaria S.P.R.I.Te costituita fra studenti del Polo Scientifico - Didattico di Cesena iscritti ai corsi di studio in Scienze e Tecnologie Informatiche.

Il recupero, ci spiega il sito del Comune, avverrà “unendo i componenti di due o più pc, in modo da realizzarne uno perfettamente funzionante. Verificato il funzionamento dell'hardware, si procederà all'installazione di software libero, cioè privo dei costi di licenza e con necessità di potenza ridotte”.

La priorità nel soddisfare le richieste verrà data alle scuole pubbliche e alle associazioni senza scopi di lucro e, in secondo luogo, verranno prese in considerazione le domande di privati e delle altre realtà.

fonte: GreenMe 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo