Menu
Gonne jeans: l'intramontabile denim di fine estate comodo anche in  autunno

Gonne jeans: l'intramontabile denim…

Le gonne di jeans sono un...

Notte Europea dei ricercatori 2015: a Settembre la decima edizione

Notte Europea dei ricercatori 2015:…

Comunicare la Scienza att...

Intervista telefonica con JOVINE

Intervista telefonica con JOVINE

Reduce dalla partecipazio...

Visita a Milano: un break nelle piscine più popolari della città

Visita a Milano: un break nelle pis…

Sfidando il caldo feroc...

Ferragosto in quota, con il tradizionale concerto nelle Alpi cuneesi

Ferragosto in quota, con il tradizi…

Non so a voi, ma a me &...

Vi racconto la mia musica: intervista telefonica con VALENTINA LUPI

Vi racconto la mia musica: intervis…

VALENTINA LUPI ci ha conc...

Intervista con Margherita Pirri

Intervista con Margherita Pirri

Abbiamo intervistato MARG...

[live report] DIZ FESTIVAL : buona la prima

[live report] DIZ FESTIVAL : buona …

Il 3 luglio, giornata di ...

Il senso dell'uguale: la musica secondo Andrea Di Giustino

Il senso dell'uguale: la musica sec…

Musicista, autore, insegn...

Prev Next

Father, son and holy ghost: l'album rivelazione dei Girls

 

girls-father-son-holy-ghostIl primo approccio a "Father, Son, Holy Ghost" dei californiani Girls avviene con "Honey Bunny" che sembra scaraventare l'ascoltatore in un film western di quelli in cui sei su un cavallo lanciato a tutta velocità. Dalle premesse sembra tutto felicità e allegria (con tanto di cori); poi, andando avanti, la prospettiva cambia con una pausa che fa respirare un pò la canzone per poi farla rianimare alla fine.

Insomma questa band californiana si gioca il jolly già all'inizio. Poi ascolti "Alex" e te ne innamori definitivamente: un brano un pò ballata rock con quel romanticismo che non guasta. Nella strumentale "Die" i toni si fanno decisamente più rock, con un'intensa coda psichedelica finale. 

La band arriva così al suo secondo album ufficiale ma dimostra una certa sicurezza anche nell'affrontare l'amore in "Saying I love you" con una ballata che risente di echi d'altri tempi. "Vomit" lascia senza parole. Ci trova spazio l'arpeggio, il noise, la voce sussurrata, i cori in un continuo alternarsi di dinamiche che costituiscono un punto di forza affascinante del brano.

"Forgiveness" è una ninna nanna (fino a un certo punto) di cui si apprezza un testo cucito su misura e una chitarra acustica dal suono meraviglioso. 

Father, Son, Holy Ghost è come quando la mattina ci si sveglia di ottimo umore e si vorrebbe abbracciare singolarmente ogni persona che si incontra per strada.

TRACCE

1. Honey Bunny

2. Alex

3. Die

4. Saying I Love You

5. My Ma

6. Vomit

7. Just A Song

8. Magic

9. Forgiveness

10. Love Like A River

11. Jamie Marie

 

Ascolta in streaming alcuni brani da "father, son and holy ghost"

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo