Menu
Libera, fluida e pulsante: la musica di ROCIO RICO ROMERO

Libera, fluida e pulsante: la music…

Abbiamo intervistato ROCI...

Con Uber e Eataly ricevi un cesto di Natale gratis

Con Uber e Eataly ricevi un cesto d…

Segnaliamo la nuova promo...

"Cerco casa vista Marte" è il nuovo disco dei Piccoli animali senza espressione

"Cerco casa vista Marte" …

Il 7 ottobre scorso é usc...

Intervista a Lorenzo Palmeri

Intervista a Lorenzo Palmeri

Abbiamo intervistato LORE...

Intervista a Roberto Fedriga

Intervista a Roberto Fedriga

Abbiamo contattato Robert...

Tutto quello che devi sapere per acquistare un presepe napoletano

Tutto quello che devi sapere per ac…

Quella del presepe napole...

L'ipnotico show dei Giardini di Mirò [Locomotiv 27.11.2014]

L'ipnotico show dei Giardini di Mir…

Serata carica di emozioni...

L'intimità cantautorale di Riccardo Sinigallia fa tappa a Milano [25.11.2014]

L'intimità cantautorale di Riccardo…

Due sere fa, il 25 novemb...

Intervista a THE SIDH

Intervista a THE SIDH

Abbiamo contattato i THE ...

Misfatto: un pò di sano rock da Piacenza

Misfatto: un pò di sano rock da Pia…

I MISFATTO (Melody Castel...

Prev Next

Tre cose da visitare a Milano low cost

  • Scritto da vivalowcost
  • Categoria: Viaggi
  • Visite: 2121

Capitale economica del nord Italia, capitale dello shopping, capitale della moda. Sono davvero tanti i motivi che possono spingere un turista a visitare Milano. E paradossalmente con il caldo che si avvicina inesorabile, è possibile visitare la città a prezzi relativamente low cost.

8389-800x600-500x375

Fate un giro sui Navigli e al Vicolo dei Lavandai

Un tempo quartiere di negozi artigianali e mercatini ora la zona dei Navigli è diventata molto esclusiva. Viene affollata giorno (e notte) da folle si artisti e studenti che prendono d’assalto locali e bar. Nel quartiere è possibile ammirare uno scorcio di una Milano di altri tempi. Il vicolo dei lavandai è un luogo incantevole dove si torna indietro nel tempo immaginando i lavoratori dalle schiene curve a lavare i panni immersi nel ruscello. Prende il nome da un lavatoio che fino alla fine degli anni cinquanta era usato dalle donne per lavare la biancheria.

Fate un giro a Parco Sempione e ammirate l’Arco della Pace

Con la sua estensione di 386 000 m², Parco Sempione è a tutti gli effetti il polmone verde della città Al suo interno l’Arco della Pace fa da scenario alla vita che si svolge nel vicino quartiere.

Iniziato nel 1807, l’Arco sorge nel centro della vasta piazza Sempione. La costruzione dell’opera fu interrotta dopo la disfatta di Napoleone a Waterloo e terminata per volontà di Francesco I d’Austria, che volle dedicare l’Arco alla Pace.

Visitate la Chiesa di San Satiro

Quando si entra nella chiesa di Santa Maria presso San Satiro sembra che dietro l'altare ci sia un'abside regolare, ben completata da colonne e decorazioni.

Ma quando si arriva vicino all'altare si capisce che l'abside nella realtà non esiste.

L'artefice di questo inganno prospettico è uno dei più grandi architetti italiani, Donato Bramante.

Dove dormire a Milano

Con l’arrivo dell’estate molta gente preferisce dirigere le proprie attenzioni verso il mare. E allora è molto semplice trovare ottime occasioni per dormire a Milano a prezzi low cost.

Per questo motivo vi consigliamo di utilizzare , il motore di ricerca per alberghi, B&B e appartamenti. Scoprirete che anche a Milano si può dormire a prezzi accessibili.

TrovaTariffe di Ryanair: tutti i voli low cost a portata di click

  • Scritto da vivalowcost
  • Categoria: Viaggi
  • Visite: 775

Il sito web di Ryanair, finalmente rinnovato per grafica e contenuti, ha introdotto un nuovo servizio che consente di ricercare le offerte migliori dal portale della low cost per eccellenza.

ryanair
Il Trovatariffe consente di cercare il miglior volo selezionando l’aereoporto di partenza e di arrivo e specificando un range della data di partenza e un prezzo massimo.

E per i veri viaggiatori low cost, quelli a cui non interessa la meta di destinazione ma solo partire, è sufficiente inserire l’aereoporto di partenza lasciando in bianco la destinazione.
Il sistema vi fornirà tutti i voli low cost in partenza per una certa data e per la fascia di prezzo selezionata.

Io ho fatto una prova selezionando Roma Ciampino come aereoporto di partenza e come periodo di viaggio la settimana centrale di Agosto.

Da non credere!

Buon viaggio low cost

Scoprire Venezia low cost sestiere per sestiere

  • Scritto da vivalowcost
  • Categoria: Viaggi
  • Visite: 500

Solitamente alla visita delle città si dedicano due o tre giorni, tanto che è ormai entrato nel linguaggio comune l'espressione inglese "city break". E' quest'ultima una formula con cui gli inglesi indicano una sorta di toccata e fuga alla scoperta di una città, specialmente durante il weekend, magari legando al sabato e alla domenica un giorno a scelta tra il lunedì e il venerdì. Ecco, è vero che il tempo è sempre poco e più è giorni si concedono a una vacanza più aumentano le spese, ma è altrettanto vero che ci sono città e città e alcune di queste richiedono a gran voce uno strappo alle consuetudini. Venezia è sicuramente in cima alla lista di quest'ultime.

venezia low cost

In primo luogo, quindi, il consiglio è di destinare a una permanenza nella Serenissima almeno quattro o cinque giorni. Se i problemi sono i costi per la vostra sistemazione a Venezia, dato che il capoluogo veneto non è sicuramente a buon mercato, provate a limitarli setacciando pagine web come questa in cerca di promozioni convenienti. Su Venere si trovano dei buon b&b a prezzo ragionevole ()

In secondo luogo, dopo aver risolto la questione dell'alloggio, cercate di ottimizzare al meglio il vostro programma di viaggio, concentrando i vostri itinerari nei singoli sestieri. In questo modo riuscirete a soffermarvi con la giusta attenzione nei diversi quartieri della città, scoprendo anche punti d'interesse e scorci che generalmente vengono trascurati dai più.

I sestieri di Venezia sono sei e ognuno di essi custodisce una fetta importante del patrimonio cittadino: San Marco, nel cui perimetro spiccano sia la piazza omonima, con la celebre basilica, il Palazzo Ducale, le Procuratiae e la Torre dell'Orologio, sia il Teatro La Fenice, Palazzo Grassi e la chiesa di San Moisè; San Polo, dove si trovano la basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari e la zona di Rialto, con il ponte, il mercato e la Chiesa di San Giacomo; Santa Croce, celebre soprattutto per Ca' Pesaro, dove hanno sede il Museo d'arte orientale e la Galleria internazionale di arte moderna; Dorsoduro, dove spiccano la Collezione Guggenheim (a Palazzo Venier dei Leoni) e le Gallerie dell'Accademia; il Cannaregio, in cui s'incontrano il Ghetto, Ca' d'Oro e la chiesa della Madonna dell'Orto; il Castello, noto in particolare per la Chiesa di San Zaccaria, la basilica dei Santi Giovanni e Paolo e l'Arsenale. Queste, allora, le mete più famose.

A voi il piacere di visitarle e di scoprire le altre!

Entra gratis alla mostra di Frida Kahlo a Roma

  • Categoria: Viaggi
  • Visite: 638

Arrivano finalmente a Roma le opere di Frida Kahlo, la grande artista messicana simbolo dell’avanguardia artistica e dell’esuberanza della cultura messicana del ’900.

01

Così come per la mostra di Augusto e i capolavori del Museo D’Orsay, il Gioco del Lotto offre la possibilità di conoscere e approfondire il mondo di Frida Kahlo con conferenze, laboratori per bambinie soprattutto ingressi gratuiti alla mostra.

Segnatevi queste due date: domenica 4 maggio e domenica 25 maggio dalle ore 19.30 alle 21.30 potrete ammirare gratuitamente i capolavori di Frida Kahlo in mostra alle Scuderie del Quirinale.

Vi consigliamo di presentarvi all'ingresso delle Scuderie del Quirinale (via Via XXIV Maggio 16) con almeno un'ora di anticipo altrimenti vi ritroverete a fare una fila chilometrica. 

Per informazioni http://www.lottomaticaitalia.it/lotto/eventi/artecultura/mostra_khalo.html

 

Un soggiorno nella Garbatella

  • Categoria: Viaggi
  • Visite: 797

Un soggiorno a Roma non dovrebbe mai limitarsi alla visita dei luoghi tradizionalmente presi d’assalto dal turismo di massa. Questo vale specialmente per chi desidera immergersi appieno nella vivace atmosfera della capitale ed entrare in contatto con il suo lato più caratteristico. La cosa migliore, in questi casi, è cercare una sistemazione in uno dei quartieri popolari della città: dando uno sguardo ai cataloghi di hotel on line come per esempio questo, non dovreste aver problemi a trovare qualcosa di vostro gradimento, mentre, per quanto riguarda la scelta del quartiere, vi consigliamo di partire con la storica Garbatella, uno dei più belli.

garbatella01

Si tratta di una zona dalle atmosfere pittoresche, che presenta le caratteristiche di un paese a sé. Infatti, la sua configurazione architettonica è molto particolare, poiché basata sul City Garden Movement, ovvero il modello inglese della città giardino, che è stato riadattato ai tratti urbanistici di Roma, assumendo un’estetica unica nel suo genere. Il quartiere, costruito a cavallo tra gli anni ’20 e i ’30, appare così ripartito in lotti, con gli edifici che sono stati raggruppati in ville e palazzine circondate da graziosi giardini, in cui è ancora possibile osservare le cantine, i lavatoi e i muretti dove, in passato, era solita radunarsi la popolazione.

Data la particolarità del suo fascino, non stupisce che la Garbatella sia divenuta una delle scenografie più gettonate nei film ambientati a Roma. Oltre a essere divenuta famosa in tutto il mondo grazie a registi del calibro di Ferzan Ozpetek e Nanni Moretti, che hanno dato ampio risalto al quartiere in diverse pellicole, la Garbatella è stata omaggiata anche da Mario Monicelli ne “I soliti ignoti”, da Roberto Savarese in “Mamma mia che impressione”,  da Luciano Emmer in “Le ragazze di piazza di Spagna” e ancora da Antonio Musu in  “Totò e Marcellino” e da Ettore Scola in “C’eravamo tanto amati”. Le sue vie e i suoi palazzi si ritrovano anche in alcune fiction televisive italiane, come "I Cesaroni", dove vengono utilizzate, in particolare, due zone: quella del "Roma club Garbatella" di via Roberto De Nobili e la scuola elementare statale Cesare Battisti di piazza Damiano Sauli.

Se il quartiere inizia a incuriosirvi, sappiate che, nei suoi spazi, potrete visitare anche alcuni luoghi interessanti dal punto di vista storico e artistico. In particolare, si consiglia una bella passeggiata in via delle Sette Chiese, dove sorge anche la famosa “Chiesoletta”, e nel giardino pubblico dell’ex vigna Seragini, dove si trova la porta di accesso alle Catacombe di Commodilla. Infine, non dimenticate di fare un salto al palazzo della Regione Lazio, altrimenti conosciuto come “Palazzo di Fantozzi”, per omaggiare l’impiegato più sfortunato della storia.