PRINCIPIANTE DELLA VITA, IL DISCO DI SAINTAPOLLINAIRE

45561805 278360162811410 1435219302562136064 nNon succede spesso di ascoltare dischi che colpiscono al primo ascolto. "PRINCIPIANTE DELLA VITA" di SAINTAPOLLINAIRE è stata una rivelazione, uno squarcio di luce in un torpore grigio. Il fulcro del progetto SAINTAPOLLINAIRE ruota attorno al chitarrista brindisino Andrea D’Accico che si avvale di tanti eccellenti collaboratori che apportano una freschezza sonora ed una fantasia compositiva molto suggestive. Le fondamenta del disco sono dei solidi pilastri jazz su cui vengono appoggiate strutture melodiche sfumate (dal rock al cantautorato passando per le melodie più malinconicamente nostalgiche).

Molto interessanti le voci femminili (Giorgia Faraone, Dionisia Cassiano) che danno più magia e poesia alle composizioni dell'ensemble (Andrea D'Accico – chitarre / Cristian Martina - batteria / Gianluca Milanese - flauto / Alessandro Muscillo - contrabbasso / Domy Siciliano - voce / Raffaele Passiante - voce / Franco Sgura - tromba / Vincenzo Presta - sax / Andrea Rellini - violoncello) dall'elevato tasso tecnico.

Uno dei brani più suggestivi è "La città cambia come noi" che si focalizza sull'amore turbolento di una coppia alla ricerca di sè stessa; lo stesso argomento delicato lo si ritrova in "Pelle scura". L'amore ritorna in "Lettera al Sig. Amore" in cui si immagina che possa essere una persona in grado di esaudire tutte le richieste degli innamorati. Colpisce il fascino e la delicatezza di "98", che Andrea dedica a sua nonna che si avvicinava ai cento anni.

"PRINCIPIANTE DELLA VITA" di SAINTAPOLLINAIRE è una bellissima crociera nel mare magnum dei sentimenti contrastanti e contrastati dellìamore e non solo. È una raffinata polaroid che ognuno dovrebbero tenere con sè.


TRACCE
1.Goodbye
2.Bird
3.98
4.Pelle scura
5.Ho perso il gusto
6.Lettera al Sig.Amore
7.Saturno
8.La realtà
9.La città cambia come noi
10.Principiante della vita

  • Visite: 264

IN-dependence Time, il nuovo disco di THE LIZARDS’ INVASION

lizardsA fine ottobre è uscito "IN-dependence Time", il disco d’esordio della giovane band vicentina THE LIZARDS’ INVASION (Resti: Voce / Màzzu: Chitarra / Mighè: Chitarra / Barba: Basso / Edo: Batteria / Fede: Tastiera). Il sestetto affronta il rock di petto e lo proietta in una dimensione avanguardistica molto interessante.

"IN-dependence Time" è un concept che si sviluppa attraverso le sue sette tappe (tutte accomunate dal prefisso "IN") in un mondo parallelo dove inizialmente è tutto idilliaco e man mano c'è una trasformazione che scuote questa tranquillità. È molto suggestivo il viaggio interiore che si compie con questo disco che peremtte all'ascoltatore di viaggiare emozionalmente e far parte di questo percorso lirico/sonoro.

Tutto inizia con la presentazione della storia (in "INtro") di questo mondo parallelo dove tutto è in armonia, stato che continua e viene sviluppato in "INdividuals". È in "iNsider" che tutto cambia: un'entità si insinua nella pace e la turba. In "INvasion" si assiste alla vera e propria invasione di queste entità che portano egoismo, smania di potere, corruzione, sfruttamento, odio. "INterlude" canta la voglia di riscatto e di rivalsa verso un futuro che sembra scritto. "INdestructible" è lo scontro per il trionfo dl bene che vince definitivamente nell'episodio finale "INcredible".

THE LIZARDS’ INVASION realizzano un disco che si potrebbe definire epico, una discesa negli inferi con ritorno trionfante, un respiro catartico che aiuta l'ascoltatore a sperare in una società migliore, libera da fardelli e ingiustizie, una realtà pura: la band vicentina ha fatto centro.

TRACCE
INtro
INdividuals
INsider
INvasion
INterlude
INdestructible
INcredible

  • Visite: 365

O DIAVOLO, IL NUOVO DISCO DI FRANCESCO DI BELLA

francescodibellaSi intitola "O' Diavolo" il nuovo disco di Francesco Di Bella. Ascoltando le nove perle che compongono questo piccolo capolavoro si può assaporare a pieno l'arte di Francesco Di Bella che realizza un disco che rappresenta il giusto e naturale discendente del bellissimo "Nuova Gianturco". Il lato prezioso di questo disco risiede nelle sfaccettature messe in evidenza dall'artista napoletano: vizi e virtù di una vita in equilibrio tra una magia infinita ed un baratro infernale.

    
Il coraggio di miscelare tradizione e modernità è una scelta ben precisa che vuole sottolineare una simbiosi necessaria nelle storie di Francesco Di Bella che da svariati anni compone testi fantastici. Il passato si specchia nel futuro che, a sua volta, guarda indietro verso la tradizione.
"O' diavolo" e "Sulo pe' te" sono due tra i brani più intensi del disco, frutto di un lavoro consapevole ed attento.

Francesco Di Bella ha fatto di nuovo centro: la sperimentazione, l'amore, l'assenza, l'evanescenza, la paura. Tutto si fonde nella poesia di questo artista che non smette di stupire.

  • Visite: 195

LE GIOVANI EMOZIONI DI RUGGERO DE I TIMIDI

41205865 1975790829140385 5875362420221804544 nRUGGERO DE I TIMIDI è un fuoriclasse della musica italiana. Non lo si può etichettare perchè sfugge a qualsiasi tipo di classificazione, è unico nel suo essere fuori dagli schemi, ha il carisma dei grandi artisti ed uno spessore compositivo superbo. "Giovani emozioni" è il nuovo disco di Ruggero de i Timidi e si può considerare un grande omaggio alla musica degli anni '70 e '80, filtrata dall'ironia e dall'irriverenza dell'artista friulano.

Le giovani emozioni di Ruggero sono dieci tappe nel profondo dei sentimenti più profondi del sentimentalismo contemporaneo. Questo concept album che fa rivivere i grandi cantautori della musica italiana offre la possibilità di assaporare l'essenza del crooner di Udine che riesce a condensare in ciascuna canzone un'esperienza, una sensazione, una storia, una volontà, un'apertura o una necessità. "Vibratore" è un'allegra ballata che unisce Bertoli e De Andrè in una delicata presa di coscienza che equipara il piacere maschile a quello femminile; "Rimming" è un po' il brano simbolo del disco con il racconto della pratica sessuale sullo sfondo della citazione di "Rimmel" di Francesco De Gregori. L'amore viene cantato da diversi punti di vista in "Mano amante mia" e in "Mettimi un cuscino in faccia ma amami". "Vecchi" invece parla della terza età, troppo spesso accantonata e sottovalutata.

Le "Giovani emozioni" di Ruggero de I Timidi sapranno conquistarvi grazie alla loro musicalità, alle melodie accattivanti e ad una capacità descrittiva sopraffina. Questo secondo disco del cantante friulano è un uragano, anzi uno tsunami che travolge tutto e tutti.

TRACCE

1.La canzone dell’estate
2.Vibratore
3.Rimming
4.La ballata dello scrittore triste
5.All Inclusive
6.Mettimi un cuscino in faccia ma amami
7.Mano amante mia
8.Fiore di scoglio
9.Vecchi
10.Pianobar

  • Visite: 150

NIGHT RIDE, IL NUOVO DISCO DELLA MUNICIPALE BALCANICA

municbalLo scorso 21 settembre i pugliesi della MUNICIPALE BALCANICA (Michele de Lucia - clarinetto e clarinetto basso / Nico Marziale - percussioni, batterie e suoni elettronici / Raffaele Piccolomini - sax tenore / Giorgio Rutigliano - basso elettrico  / Paolo Scagliola - tromba / Raffaele Tedeschi - voce e chitarre / Armando Giusti - sax alto / Giacomo de Nicolo - batteria acustica / Claudio de Leo - synth) hanno pubblicato il loro nuovo disco dal titolo "Night Ride".
La band, attiva già da più di un decennio, non rinnega il suo passato sonoro e propone un disco dalla chiara impronta balcanica ricco di sfumature e contaminazioni che ne aumentano il fascino. “Night Ride” è un crocevia di canzoni che miscelano la tradizione con la sperimentazione ed affrontano tematiche molto interessanti: dalla ricerca della felicità all'amore e alla passione passando per la lontananza e la fratellanza.

Le otto canzoni dell'album fanno parte di un genuino racconto organico ed intrigante: dall'amore alla ricerca di libetà di "Constellation" all'episodio suggestivo di "Kiss slow kill fast"; uno dei brani più riusciti del disco è "Rusty" che ammalierà sicuramente l'ascoltatore. Una peculiarità di questo lavoro è la sua capacità di tenere l'attenzione sempre alta: "Deserto non deserto" è un bellissimo esempio di convivenza di tradizione e futuro, senza il bisogno di parole. "Ogni stella" è un brano che si lascia amare nella sua semplicità provocando felicità e good vibrations.

La Municipale Balcanica avvicina gli ascoltatori alla musica, attraverso melodie che fanno innamorare: di questi tempi è materia rara.


TRACCE

Constellation
Transylvania Party Hard
Kiss slow kill fast
Rusty
Martin got lost
Polvo y sueños
Ogni stella
Deserto non deserto

  • Visite: 202